Mosca mediterranea della frutta

Ceratitis capitata

Originaria dell’Africa occidentale ed oggi diffusa in tutte le regioni a clima temperato-caldo del globo, la Mosca mediterranea della frutta (Ceratitis capitata – Wiedemann, 1824) è un insetto polifago che vive a spese dei frutti di un grandissimo numero di piante (sono stati testimoniati attacchi di questo insetto a circa 200 specie vegetali diverse, soprattutto arancio, pesco, melo, pero, albicocco, fico, pomodoro e kako).
L’adulto ha occhi verdi smeraldo, capo giallastro, torace ed addome giallo-bruno variegati. Le ali sono decorate da tre striature giallo-arancio, una longitudinale e due trasversali. Gli organi di senso sono molto sviluppati: in particolare, grazie ai numerosi chemiorecettori di cui sono equipaggiati, questi insetti sono in grado di percepire la presenza di etilene (gas naturale prodotto dalla normale fermentazione della frutta) da notevoli distanze.
Il ciclo vitale è estremamente rapido e può compiersi in un paio di settimane, anche se può rallentare notevolmente con l’abbassarsi della temperatura (a 12 °C sono necessari oltre 100 giorni allo sviluppo dell’adulto, a 9 °C la crescita si interrompe completamente) ed in funzione della specie vegetale attaccata (le prunoidee sembrano offrire in tal senso i substrati più favorevoli).Il pabulum ideale è costituito dalla polpa della frutta matura a buccia sottile (che la femmina riesce a perforare facilmente con il suo ovipositore affilato) anche se talvolta la deposizione può avvenire in sostanze molto umide e ricche di materiale organico in decomposizione (terriccio, escrementi e frutta marcescente). Le uova, che sono iniettate in gruppi entro i frutti ad una profondità di circa 2-5 mm, sono lunghe circa 1 mm, bianche e di forma affusolata; poiché più femmine possono utilizzare lo stesso substrato, non è difficile riscontrare fino a 80-90 ovideposizioni nello stesso frutto. Le larve, bianco-giallastre, di aspetto simile a quelle della Mosca domestica ma di minori dimensioni, hanno apparato boccale masticatore e si sviluppano a spese della polpa raggiungendo la maturità dopo circa 15 giorni ad una temperatura media di 25 °C; in seguito fuoriescono lasciandosi cadere a terra, dove impupano nel terreno a 7-8 cm di profondità.
Nell’Italia meridionale la Mosca mediterranea della frutta presenta fino a 7 generazioni annuali[1] (tale numero diminuisce con l’aumento progressivo della latitudine) ed attacca soprattutto gli agrumeti. Questo insetto, inoltre, è presente (e sembra in aumento) anche nelle regioni settentrionali, dove causa danni economici consistenti in diverse aree frutticole ed è accertata la sua sopravvivenza alla stagione invernale, almeno nei biotipi più favorevoli. Nelle aree climaticamente meno propizie lo svernamento avviene allo stadio di pupa nel suolo; altrove sopravvivono gli adulti.

La Scheda

Dominio: Eukaryota

Regno: Animalia

Phylum: Arthropoda

Classe: Insecta

Ordine: Diptera

Famiglia: Tephritidae

Genere: Ceratitis

Specie: C. capitata

Lunghezza: 4-6 mm

Alimentazione: polifaga

Sviluppo: olometabolo

Svernamento: pupa

Mosca della frutta

Mosca mediterranea della frutta

Mediterranean fruit fly

Medfly

Note

  1. Masutti L., Zangheri S. (2001) «Entomologia generale e applicata». CEDAM, Padova: 740-745.

Su questo sito utilizziamo strumenti di prima o terza parte che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.