Zanzara tigre egiziana

Aedes aegypti

La Zanzara tigre egiziana (Aedes aegypti – Linnaeus, 1758) è un piccolo dittero originario dell’Africa[1] e diffuso nelle regioni tropicali di tutto il mondo. In alcuni periodi dell’anno il suo areale può tuttavia estendersi fino alle regioni mediterranee interessando così anche la penisola italiana, dove possono stabilirsi focolai temporanei.
La Zanzara tigre egiziana è di dimensioni e di aspetto molto simili a quelli della Zanzara tigre asiatica, differenziandosi da quest’ultima principalmente per le piccole striature bianche a forma di lira che ne decorano lo scutello (la Zanzara tigre asiatica possiede invece un’unica linea bianca longitudinale che attraversa capo e torace). Anche in questa specie è presente un vistoso dimorfismo sessuale: il maschio, più piccolo della femmina, è dotato di un paio di grandi antenne piumose e di lunghissimi palpi mascellari.
A differenza delle altre specie di zanzare – che pure necessitano anch’esse delle proteine presenti nel sangue dei vertebrati per portare a maturazione le uova – la Zanzara tigre egiziana è l’unica ad aver sviluppato una specifica preferenza per gli ambienti umani, differenziandosi in una variante domestica la cui sopravvivenza è strettamente legata all’uomo, che ne è quasi la preda obbligata[2].
L’addomesticamento di questa zanzara è un fenomeno complesso che si manifesta attraverso specifici fattori di adattamento: la deposizione delle uova (che in condizioni di siccità possono sopravvivere oltre un anno) avviene soprattutto all’interno di contenitori costruiti dall’uomo e preferibilmente nelle immediate vicinanze degli edifici (pozzetti, cisterne di raccolta, caditoie stradali), se non addirittura al loro interno (sottovasi, sifoni, vaschette del WC); le larve riescono a sopravvivere anche nelle acque povere di sostanze nutritive come, ad esempio, quelle potabili destinate al consumo umano; gli adulti pungono, stazionano e digeriscono i pasti all’interno delle abitazioni dell’uomo e sono attivi soprattutto di giorno e nelle prime ore serali.
Seppure presente solo saltuariamente in Italia e sempre per brevi periodi, la Zanzara tigre egiziana ricopre una notevole importanza sanitaria in quanto costituisce il vettore primario della febbre gialla[3] e può trasmettere numerosi alpha-virus ed arbo-virus quali, ad esempio, il virus dengue ed il virus chikungunya.
La Zanzara tigre egiziana sverna come uovo in diapausa embrionale.

La Scheda

Dominio: Eukaryota

Regno: Animalia

Phylum: Arthropoda

Classe: Insecta

Ordine: Diptera

Famiglia: Culicidae

Genere: Aedes

Specie: A. aegypti

Lunghezza: 3-7 mm

Alimentazione: fitofaga/ematofaga

Sviluppo: olometabolo

Svernamento: uovo

Zanzara tigre egiziana

Egyptian tiger mosquito

Yellow Fever Mosquito

Note

  1. Dauga C., Failloux A. B., Garrigues T., Mousson L., Schaffner F., Vazeille M. (2005) «Phylogeography of Aedes (Stegomyia) aegypti (L.) and Aedes (Stegomyia) albopictus (Skuse) (Diptera: Culicidae) based on mitochondrial DNA variations». Cambridge University Press, UK.
  2. Capinera J. L. (2008) «Encyclopedia of Entomology». Springer, USA: 450.
  3. Si veda il punto 2.

Su questo sito utilizziamo strumenti di prima o terza parte che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.